Intervista a Rossano Mazzieri di Superbike Team

No Comments

Il nostro viaggio all’interno del Gp Centro Italia Giovanile di mountain bike, ci porta in provincia di Macerata
Il 26 aprile, ad Esanatoglia (Mc) si terrà, infatti, la quarta prova dell’importante circuito nazionale giovanile di mountain bike. Per Esanatoglia si tratterà del terzo appuntamento all’interno del circuito off road riservato agli Esordienti ed Allievi. Nel 2018 fu tappa d’apertura, l’anno scorso il terzo atto del circuito. In cabina di regia, il forte gruppo del Superbike Team di Castelfidardo. Portavoce il dinamico presidente Rossano Mazzieri, nato a Osimo (An) il 30/11/1969, residente a Castelfidardo (AN) patria della Fisarmonica, professione “Giovane” Imprenditore. Ciao Rossano. Ci puoi raccontare in breve la storia del Superbike
<< La Superbike Club nasce a Castelfidardo nel 1988 dalla passione per la MTB di Patrizia Biondini attuale DS e Giuseppe Campanari suo marito. Patrizia ha gareggiato insieme a Paola Pezzo decidendo a fine carriera agonistica di mettere a disposizione la sua esperienza per i ragazzi. Nel 2009 viene cambiato il nome in Superbike Team e viene riconosciuta come Scuola di Ciclismo Fuoristrada da parte della FCI. Nel tempo abbiamo sempre cercato di coltivare la passione dei ragazzi per la disciplina del Cross Country cercando di infondere il sogno olimpico. Negli ultimi 3 anni abbiamo avuto la possibilità di partecipare alle prove del calendario internazionale Uci World Cup Xco grazie a Campanari, Naspi e Agostinelli con i quali abbiamo girato per l’Europa con la trasferta in Sud Africa che è stata la ciliegina sulla torta>>
Il team è completato da Danilo Roncaglia (Vice Presidente), Carlo Orsetti, (Segretario), Patrizia Biondini, (Ds); Valentina Cesari, Giuseppe Campanari, Stefano Figuretti, Danilo Maggiori, Andrea Bianchi, Marco Iaconeta, Fulvio Affricani, Diego Giulietti, Alessandro Mazzieri ed Alessandro Naspi
Come nasce la tua passione per la mtb?
<< A 20 anni ho iniziato a giocare a calcio. Giocavo centravanti ma non ho mai segnato un gol e questo la dice tutta sulla bontà dei miei piedi. Ho cambiato sport dandomi alla pallavolo: ruolo centrale. E’ arrivato qualche punto in più rispetto al calcio ! Poi la nascita di Alessandro, nel 1999, mi ha fatto dirottare prima sul tennis e poi sul calcetto. La nascita di Alice nel 2006, ed un infortunio durante una partita, mi hanno fatto lasciare lo sport praticato. L’approccio alla MTB è stato nel 2008 quando mio figlio Alessandro, a 9 anni, lascia il basket. Poi vedendo un amico di Patrizia, che andava a scuola con la bici, in lui è scattato qualcosa. Ed anche al sottoscritto. Mi avvicino a questa disciplina sconosciuta. Vengo trascinato dal papà dell’amico di Alessandro, Fabio (il primo che mi ha accompagnato a fare un giro in bici) e mi trovo proiettato all’interno di un gruppo di genitori fantastici. E nel 2009 l’evento organizzato della Coppa Italia, e soprattutto la fantastica trasferta per il Meeting nazionale Giovanissimi a Cuneo, mi hanno fatto avvicinare al team, ed il primo passo, è stato quello di partecipare al corso di Maestri MTB>>
La società Superbike ha saputo in questi anni forgiare alcuni bravi biker. Ci fai una breve storia?
<< Non so definire se siamo stati fortunati o siamo stati bravi ad avere bravi biker. Di certo abbiamo messo a disposizione le competenze trasversali di ognuno dei dirigenti della società a favore dei ragazzi. Non abbiamo mai fatto campagne acquisti, ma abbiamo preferito, e preferiamo, coltivare i talenti che crescono all’interno della nostra scuola. La vittoria nel 2012, ed il secondo posto nel 2013 al Campionato Italiano Giovanile di Società è stata il sigillo della nostra politica
Nel tempo poi abbiamo iniziato a festeggiare i podi nelle categorie più alte. Alessio Agostinelli nel 2016, quinto al Campionato Italiano Under 23 a Courmayeur, nel 2017 il rientro di Alessandro Naspi ed il podio sfiorato a Genova risultato sfumato causa una foratura all’ultimo km. Nel 2018 il terzo posto di Alessio al Campionato Italiano a Pila; la vittoria di Naspi agli Internazionali d’Italia Series e la convocazione in maglia azzurra di entrambi per il Campionato del Mondo a Lenzerheide in Svizzera. E’ stato un sogno divenuto realtà.
Nel 2019 il secondo posto di Alessio a Chies d’Alpago ed il quarto di Angela Campanari sono stati la conferma del nostro operato>>
Da quanti organizzate gare e quali?
<< Abbiamo sempre organizzato dal 2009, prima la Coppa Italia Giovanile, poi nel 2012 e nel 2013 una prova di Campionato Italiano giovanile di Società. Varie gare regionali di Xco a Castelfidardo, all’interno del Parco della Selva. Poi combattendo con le problematiche di chi pensa che la Mtb deturpa l’ambiente, ci hanno spinto a trovare una location alternativa ed abbiamo trovato nel comune di Esanatoglia e nel gruppo degli amici dell’Esatrali, capitanati da Leopoldo Giordani un’accoglienza superlativa. Il Santoporo XC è diventato un appuntamento fisso ormai da 2 anni.
Nel tempo abbiamo sempre cercato collaborazioni con le altre società. Ricordo nel 2010 il primo challenge Abruzzo Marche riservato alle categorie Giovanissimi organizzato insieme all’amico Antonio Petrucci di Penne, Domenico Cerasi del Gruppo Amici della Bici Junior di Pescara e degli amici della Polisportiva Morrovallese di Macerata con Luca Cabascia ed il compianto Luca Stizza>>
A livello organizzativo riuscite a trovare il giusto assetto lavorativo con amministrazione, sponsor, cittadinanza?
<< Siamo fortunati ad avere un Main Sponsor nell’azienda Bravi Platforms, partner importantissimo che condivide con noi la politica della società. Ci confrontiamo continuamente sulle scelte perché l’impatto della nostra attività sulla comunicazione dell’azienda è un punto di forza condiviso. Sulle amministrazioni e la cittadinanza non è semplice. Purtroppo tutti conosciamo la cultura dello sport in Italia e del ciclismo in generale.
Si fa fatica, ma non molliamo di professare quello in cui crediamo>>
Cosa ne pensi del movimento giovanile in Italia?
<< Non conosco bene i numeri a livello nazionale. Posso dire che nella nostra regione, le società che fanno fuoristrada, crescono come numero di tesserati in maniera esponenziale, mentre calano quelli su strada. Gli almanacchi sono oggettivi. Noi siamo la società con il maggior numero di tesserati delle Marche da oltre cinque anni. Per assurdo siamo quelli che finanziano di più l’attività nella nostra regione. Di contro l’attività fuoristrada è sempre messa all’angolo per paura che i ragazzi si avvicinino a questo fantastico sport facendo perdere credito al mondo della strada. Rivalità all’intero di una federazione ridicola dal mio punto di vista, basterebbe essere umili e domandarsi perché ed accettare la realtà.
I calendari ci vedono penalizzati per la logistica. Tante gare al nord, che per noi vuol dire spendere tantissimo in gasolio ed autostrada, ci portano ad un aumento della spesa molto onerosa. Ma è anche vero, che queste esperienze e trasferte, ci danno l’opportunità di confrontarci con i top team della disciplina>>
Cosa ne pensi del Gp Centro Italia Giovanile?
<< La risposta è molto semplice. Gruppo di lavoro fantastico; gare in un raggio d’azione ottimale; livello che sta crescendo di anno in anno. Impegnativo partecipare ma con tanta soddisfazione che ci appaga>>
Un sogno nel cassetto? Come presidente della società.
<< Mah..non voglio passare da presuntuoso. Vediamo. Vincere un campionato Italiano Giovanile di Società e ritirare lo scudetto l’ho fatto. Partecipare al campionato del Mondo Xco perché due dei tuoi atleti indossavano la maglia azzurra l’ho fatto. Cosa posso sognare di più. Dico che i genitori, le amministrazioni, la cittadinanza, apprezzi il lavoro svolto dalla nostra Scuola anziché muovere critiche gratuite o riversare sui ragazzini lo stress e le frustrazioni di genitori che pretendono di avere campioni dentro casa>>
Per quanto concerne la gara se mi puoi dirmi qualcosa e se vuoi ringraziare qualcuno?
<< Il SantoporoXC è un circuito per noi magico. Abbiamo “ The King of Santoporo” Leopoldo Giordani che ci prepara il percorso insieme ai suoi collaboratori di Esatrail in maniera maniacale. Gira il mondo insieme a noi durante la Coppa del Mondo e prende spunto per portare un po’ di Uci World Cup ad Esanatoglia. L’anno scorso ha modificato il circuito con una salita stile Mont S. Anne, discesa con i tronchi stile La Bresse. Chi non ha mai provato il Santoporo Xc si è perso qualcosa di unico. Detto questo, ringrazio in primis la mia famiglia per la comprensione del tempo a loro rubato per dedicare alla società: Patrizia Biondini per la capacità di gestire la parte tecnica, gli sponsor tutti a partire da Pierino Bravi, Del Vicario Engineering, Sun68, BobCompany, Cta System, Nicolini Air Logistic, Sifer srl>>

CALENDARIO GRAN PRIX CENTRO ITALIA 2020
01/03/2020 Porto Azzurro (LI) Isola d’Elba
05/04/2020 San Terenziano (PG)
13/04/2020 Barbarano Romano (VT)
26/04/2020 Esanatoglia (MC)
03/05/2020 Gualdo Tadino (PG)
10/05/2020 Scansano (GR)
17/05/2020 Barga (LU)
28/06/2020 Pratovecchio-Stia (AR)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *